I concetti fondamentali per la programmazione

Quando una persona si affida a te da dove parti per programmare il suo allenamento?

Quali sono le tue priorità?

Il programma che prepari è a breve o lungo termine?

Con gli atleti come gestisci la situazione in season e off season?

Che tecniche di progressione utilizzi e perché?

Ma soprattutto HAI MAI PROGRAMMATO PIANI DI ALLENAMENTO A LUNGO TERMINE?

  • Se sei un tecnico e hai già frequentato dei corsi di preparazione atletica e ti sei trovato in difficoltà nel leggere questi quesiti allora questo è l’articolo che fa per te.
  • Se sei un tecnico ma non hai mai frequentato altri corsi di formazione sulla preparazione atletica e ti fai queste domande quando sei davanti ad un foglio bianco, allora sei capitato nel posto giusto.
  • Se vuoi capire perché è importante programmare e quali sono i concetti fondamentali da seguire allora continua a leggere.

Quando si tratta di prendere a carico una persona o un atleta o un’intera squadra la prima cosa da fare è capire chi si ha di fronte. Valutazioni e test possono essere validi strumenti nelle tue mani, e lo sono ancor di più se impari a padroneggiarli con la consapevolezza di chi ha acquisito le conoscenze adeguate, in merito a tutto ciò che è necessario sapere, per gestire nel migliore dei modi la meravigliosa macchina umana.

Dopo che hai imparato ad usare questi strumenti potrai passare al resto.

Sai quali sono i punti che non devi assolutamente sottovalutare?

Ecco un rapido elenco:

  • Stabilisci degli obiettivi, ma senza esagerare. Porre infiniti obiettivi è un modo per perdere il focus e ti manderà in confusione. Stabilire delle priorità sarà un buon modo per iniziare a programmare. Il mio consiglio è quello di programmare per il medio/lungo termine. ATTENZIONE, questo non vuol dire che una volta messo nero su bianco non si cambierà più una virgola.
  • Sii flessibile e sempre attento. È possibile che durante gli allenamenti tu possa notare qualcosa di diverso rispetto a quanto programmato o che possa succedere un imprevisto. È proprio in questi frangenti che devi essere pronto a rivedere qualcosa del tuo programma. Se lo fai con criterio e intelligenza non ci vorrà molto tempo a rientrare e ristabilire un nuovo equilibrio affinché il programma sia ancora valido e ti consenta raggiungere l’obiettivo iniziale.
  • Crea miglioramenti e sviluppi visibili nel lungo periodo. È importante che i tuoi atleti possano godere dei vantaggi di un buon programma nel lungo termine, non soltanto nel breve. Questo vale ancor di più se lavori con i giovani. Gettare le basi, dando loro una formazione ed una preparazione fisica che li renda pronti ad affrontare qualsiasi tipo di performance e soprattutto integri dal punto di vista strutturale, è ciò che di meglio tu possa fare per loro.
  • Non mettere in difficoltà gli atleti. Una cosa è cercare di portarli fuori dalla loro zona di confort, un’altra è sottoporli a esercizi o tecniche troppo difficili per loro. Rischi di generare una pressione ed una tensione da prestazione non indifferente, calare la loro autostima e rischiare di compromettere l’intero programma.
  • Scegli esercizi che abbiano ampia trasferibilità e ripetibilità. È fondamentale che gli allenamenti del planning siano scelti in funzione dello sport praticato dall’atleta e in funzione delle valutazioni iniziali. Stabilire le progressioni può essere un aiuto in questo. La scelta degli esercizi deve essere pensata e valutata attentamente e deve essere tale per cui l’atleta sia in grado di trarne beneficio durante la performance e sia in grado, pertanto, di trasferire ciò che ha assimilato nei workout anche in altre situazioni. Anche in questo caso devi ricordare di restare flessibile e non affezionarti troppo agli esercizi: nel caso in cui ti accorgi che è necessario un cambiamento, non aver timore di farlo in itinere.
  • Punta al benessere per la performance. Non sempre “fare di più” significa “fare meglio”. Ci sono momenti in cui dovrai spronare il tuo atleta a spingere di più e altre volte in cui questo non sarà necessario. Ciò di cui devi assicurarti è che il tuo atleta stia bene e in salute. Sei tu al timone della nave, ricordalo, e devi essere tu a rendere le condizioni favorevoli per un buon approdo nel porto.

E ora probabilmente avrai soltanto più domande di prima che ti frullano in testa.

OTTIMO!!! È proprio questo che deve fare un buon coach, non smettere di chiedersi “perché” e agire nel benessere dei propri atleti.

AFI offre nei suoi corsi di formazione le risposte ai tuoi quesiti mettendo a disposizione casi studio ed esperienze decennali in vari campi della preparazione atletica.

Ricorda…la conoscenza ti consente di padroneggiare con consapevolezza ogni strumento di cui ti sei dotato.

Perciò oltre a dotarti degli strumenti necessari per lavorare con grande efficienza ed affidabilità, AFI attraverso il percorso di formazione de Le Fondamenta, ti mette a disposizione tutta la conoscenza e l’esperienza acquisita in quasi 25 anni.

Condividi:

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Un giorno all’inferno

Se mi hai seguito nei miei precedenti articoli ti sarai imbattuto anche in quello in cui raccontavo un po’ la mia storia. (qui) Quante volte

Leggi Tutto »

Ormai sei vecchio, lascia perdere!

È risaputo che dopo i quarant’anni attraversi l’effetto decadimento: si addita la sarcopenia come principale responsabile del detto “dopo la quarantina un guaio ogni mattina”.

Leggi Tutto »

Neuroscienza e Allenamento

Spesso ti ho detto cosa NON è l’allenamento funzionale. Oggi ho deciso di presentarti un esempio pratico di cosa rappresenta per noi l’allenamento funzionale. Ti

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Un giorno all’inferno

Se mi hai seguito nei miei precedenti articoli ti sarai imbattuto anche in quello in cui raccontavo un po’ la mia storia. (qui) Quante volte