Come perdere peso e grasso continuando a mangiare carboidrati

“Oggi ho iniziato la dieta, ho tolto subito pasta e pane… mi vedo già più sgonfio dopo 3 giorni ma inizio ad avere forti mal di testa”

CLASSICO ERRORE BASE:

voglio dimagrire quindi elimino (o riduco) pasta e pane

3 SETTIMANE DOPO:

Evidente diminuzione del peso ma sintomi poco piacevoli (mal di testa, cattiva digestione etc)

4 SETTIMANE DOPO:

Scoppi, riinizi a mangiare senza sosta e torni al tuo peso iniziale


RISULTATO FINALE

Stesso peso, bruttissimi pensieri (legati a digiuni e carenza di proteine e grassi) e frustrazione.

Tutto normale! In realtà tu, italiano, sei stato bombardato dalle false informazioni sulla dieta mediterranea (che sicuramente è meglio di quella americana a base di hot dog) e hai semplicemente ridotto tutto quello che di solito sei stato abituato a mangiare (quindi pasta e pane senza considerare le fonti proteiche e di grassi.)

Per quanto sia vero che nel paleolitico il tempo per cucinare la pasta non c’era (in realtà la pasta manco esisteva, ma questo è un dettaglio) e i tuoi antenati si alimentavano principalmente con pasti a base di Mammut (e tutto questo è ancora perfettamente scolpito nei nostri geni), NON PUOI ELIMINARE I CARBOIDRATI DEFINITIVAMENTE

I carboidrati sono una fonte energetica fondamentale per il tuo corpo, possiamo paragonarla al carburante per le auto e, come tale, maggiore è la qualità più puoi fare affidamento sul tuo motore.

Negli ultimi anni il consumo di carboidrati è aumentato in maniera esponenziale (1300% in più negli ultimi 150 anni, dati ISTAT DEL 2011), se consideriamo la crescita delle aziende alimentari e la produzione di nuovi prodotti a base di zuccheri possiamo subito capire che il consumo non è assolutamente qualitativo.

Un eccesso di carboidrati (semplici e complessi) ti porterà verso infiammazioni cellulari (la cellulite è un valido esempio ma non l’unico).

Quando puoi mangiare carboidrati?

1) Se sei un uomo devi pensare prima a raggiungere il 10% di grasso
2) Se sei una donna: al 16%

Ecco 3 step da seguire:

Step n.1

Effettua un’analisi della composizione corporea per conoscere il tuo punto di partenza

Step n.2

Consuma carboidrati ad alto peso molecolare (quindi non zuccheri); questo perché hai bisogno di sviluppare grande sensibilità insulinica (cioè come i tessuti del tuo corpo rispondono alla presenza di insulina che è responsabile dell’ingresso del glucosio nelle cellule ed il conseguente utilizzo)

Step n.3

OCCHIO A QUANDO CONSUMI I TUOI CARBO! Assicurati di consumarli nei pasti vicino al workout (pre, intra e/o post). Questo perché necessiti di mantenere Cortisolo e Insulina alti quando sei vicino al workout (sempre per la sensibilità insulinica); se la tua percentuale di grasso non supera il 20% puoi consumare fino a 1.5gr di carbo per kg corporeo (quindi, ad esempio, se pesi 70kg, potrai consumare 105gr di carbo da dividere nel pre/intra/post workout)

(nel resto della giornata è meglio tenere insulina e cortisolo bassi per evitare un accumulo di grasso con conseguente perdita di massa magra).

Quindi, ricapitolando:
STEP 1) Fai un test che ti permetta di capire la tua percentuale di grasso
STEP 2) Affidati a qualcuno che possa prepararti un’alimentazione che preveda carbo di qualità
STEP 3) Guadagna i tuoi carbo con l’allenamento e consumali nelle ore vicine al wo.

SPINGI FORTE E GUADAGNATI I TUOI CARBOIDRATI!

Condividi:

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Carboidrati e Glicogeno

Se non hai letto la prima parte di quest’articolo ti invito a leggerla cliccando sull’immagine qui sotto: Dopo aver finalmente costruito qualche bel muscoletto, non

Leggi Tutto »

La dieta dei risultati

“Siamo quello che mangiamo” hai sentito questa frase più di 1000 volte nella tua vita. Se spesso ti capita di pensare: “Ormai è un anno

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Un giorno all’inferno

Se mi hai seguito nei miei precedenti articoli ti sarai imbattuto anche in quello in cui raccontavo un po’ la mia storia. (qui) Quante volte